Christiane F. - Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino (Uli Edel, 1981)

Regìa di Uli Edel, 1981
Con Natja Brunckhorst, Thomas Haustein, Jens Kuphal, Rainer Woelk, Jan Georg Effler, Christiane Reichelt, David Bowie

Storico film sui tossici minorenni a Berlino (ovest) e sulle degradazioni cui erano sottoposti per procurarsi le dosi… ebbe un successo strepitoso, non tanto perché basato su una storia vera a mio avviso, quanto invece per la crudezza della rappresentazione e la scelta di attori non professionisti.

Rivisto oggi, sconta una sceneggiatura non proprio ben oliata e una durata notevole (oltre le due ore). Rimane Natja Brunckhorst, impressionante nel ruolo di Christiane.

Non lo vedo da tanto ma lo ricordo abbastanza potente (mai quanto il libro, comunque).

Ricordo come molto disturbante la scena di uno dei tentativi di disintossicazione di Christiane e Detlef con una vomitata davvero clamorosa.
C’è anche un pezzo di un live di Bowie.

Sto leggendo il libro in questi giorni e in effetti è un bel pugno nello stomaco. Molto approfondita anche la prima infanzia di Christiane, che invece nel film non veniva toccata se ben ricordo.

Tra l’altro la protagonista era anche molto carina, decisamente notevole la spirale di decadimento tra prima di essere drogata e durante.

Ma parli della vera Christiane o di Natja Brunckhorst?

Probabilmente di entrambe :smiley:

Ahaha :smiley: ma la Brunckhorst mi sembra di aver capito che ha perso la bellezza per una brutta malattia…

Beh si parla di quei tempi… dopo anni di eroina e prostituzione posso immaginare che la vera Christiane non si sia conservata benissimo.

Diverso il caso dell’attrice, ovvio.

Parlavo dell’attrice e del suo “percorso” nel film, la vera Christiane mi sa che non l’ho mai vista.

Qualcuno mi può dire il titolo del film che i ragazzi guardano al cinema durante l’inizio?

@stubby mi stupisco di lei!

Le basi del cinema horror! Anzi… ti rispondo citando il post di uno dei PILASTRI DEL FORUM!

1 Mi Piace

Hai ragione, non lo vedo da tantissimi anni e non me lo ricordavo, esattamente dal 2007 evidentemente

2 Mi Piace

Dopo aver visto la serie Amazon (che è bellina eh ma un pò tanto patinata) e aver finalmente letto sia il classico libro che il “seguito” (“La mia seconda vita”) mi son rivisto il film. E’ uno dei miei film della vita da quando me lo fecero vedere a scuola, probabilmente rispetto al libro che è molto più crudo rappresenta in modo più equo tenerezza (l’affetto che prova lei per Detlef nonostante i casini) e tragedia (tutto il resto, dalla dipendenza all’astinenza, al clima di disperazione che avvolge gran parte delle scene). E’ il film che mi ha fatto conoscere quel mito di David Bowie e mi ha atterrito più di qualunque horror al tempo, che volere di più?
Forse il film taglia alcune parti tipo il rapporto col padre violento che picchiava lei, la sorella e la madre…ma comunque un bel film diretto e cupo come se ne vedono pochi.

Nota a margine: in questa visione, forse complice l’hd, mi ha davvero impressionato la trasformazione di Christiane, non solo per la bravura della giovane attrice, ma per le macchie sul viso, il colore malaticcio della pelle , le labbra secche… Davvero pesante.

3 Mi Piace