Drive (Nicolas Winding Refn, 2011)

Schede film: IMDB, Wikipedia

Regia: Nicolas Winding Refn

USA, 2011

Un autista, oltre a lavorare come stuntman cinematografico a Hollywood, arrotonda prestando servizio come autista per alcuni rapinatori di banche. Quando un colpo finisce male, l’uomo scopre che è stata messa una taglia sulla sua testa, così decide di scappare, portando con sé la fidanzata di un ex detenuto
( Da Wikipedia).

In uscita il 30 settembre nelle sale italiane, e presentato allo scorso festival di Cannes, il film sta godendo di ottime recensioni.
Lo vedrò sicuramente.

Mi aspetto belle cose, anche perchè Ryan Gosling è fra gli attori dell’anno: ha girato pure la commedia “Crazy, stupid, love” (che gli garantirà sicuramente un posto fra “i più sexy”, attori e non, della stagione) e “Le idi di marzo” (di Clooney, presentato a Venezia). Film e ruoli diversissimi: così si fa!
P.S. Sottolineiamo il fatto che è stato proprio lui personalmente a scegliere Winding Refn per la regia: un attore di talento, e una persona intelligente.

Visto ieri sera.
Parte in sordina, lentamente, per poi crescere e cambiare decisamente ritmo nella seconda parte, in un crescendo di ritmo e violenza.
Film notevole, dalle tinte noir, in cui vi è un intreccio tra la vicenda amorosa del “driver” con Irene (Carey Mulligan) e l’attività non proprio pulita dello stesso…
In tutta questa vicenda c’è anche la comparsa in scena di Nino, losco figuro dalla faccia da gorilla di origini italiane, che naturalmente gestisce una pizzeria e fa parte di una famiglia mafiosa…

Da vedere, senza indugi.

Prima di cantarne troppi elogi venerdì me lo andrò a rivedere in sala, comunque grande film, non me lo aspettavo proprio. Al di la del plot in se ho apprezzato l’atmosfera in se, i piccoli particolari (lo scorpione angeriana sul giacchetto del guidatore), le musiche dalle tinte synth pop 80, l’austerità contrapposta agli eccessi di violenza, la malincolia di fondo.
Mi cospargo la testa di cenere e vado a recuperare gli altri film del regista.

Molto bello il brano dei titoli di coda. Ricordiamo che l’autore della colonna sonora è il bravissimo Angelo Badalamenti.

???

Mi sa che hai preso un abbaglio… ti sbagli forse con Mulholland Drive?
La soundtrack di Drive è composta quasi esclusivamente da pezzi di tale Cliff Martinez, un pezzo di Riz Ortolani e Nightcall di Kavinsky come titletrack.

Eh si, ho preso un abbaglio… l’ufficio mi fa male: ripensando al film, da qui, avevo stampato negli occhi il nome di Badalamenti nei titoli… sono da ricoverare, non c’è dubbio. :smiley:

Comunque Badalamenti appare tra gli autori delle musiche nei titoli di testa

Mi sa allora che vi siete sparati tutti la workprint… vi assicuro che di Badalamenti non c’è traccia nella colonna sonora.

Ah, probabile, infatti non capivo dove poteva essere il suo contributo.

Ah, ecco… vedete che però Badalamenti appare da qualche parte. Rinco si, ma non totalmente :smiley:

Visto al cinema martedì sera
Un discreto film con un discreto cast ed un ottimo e avvolgente commento musicale.
Belli i titoli di testa in rosa shocking.
Due parole sul protagonista , un silenzioso e malinconico Ryan Gosling capace di essere calmo e letale (come lo scorpione che campeggia sul suo giubbetto) al tempo stesso . Sempre molto carina la Carey Mulligan.
Belli gli inseguimenti (ne avrei graditi di piu lunghi se posso fare il pignolo) e molto forti le scene di violenza l’uccisione del killer mafioso in ascensore e la rasoiata al braccio a Shannon .
Verso la metà il film prende quasi una piega a la “Days of thunder” , ovviamente subito abbandonata.
Già in vendita il Cd della colonna sonora, quasi quasi…

Wow! Contiene anche la title-track di “Addio zio Tom” di Riz Ortolani! Il film vado a vederlo stasera. Mi ispira parecchio

E infatti l’ho visto e mi è strapiaciuto. Ottima regia e buonissimi gli interpreti. Le scelte musicali sono perfette (tra cui la già citata Oh my love da Addio zio Tom). Gosling è uno dei migliori tra gli emergenti, mentre non resito di fronte al carognesco Ron Perlman, un mito, con quel faccione scimmiesco incredibile.

molto bello, anche se personalmente ho preferito la prima parte, quella più d’atmosfera diciamo, dopo mi è sembrato più ordinario
colonna sonora favolosa

Intervista al regista, in cui cita come fonte d’ispirazione Argento, Leone, Jacopetti e Prosperi:

http://news.cinecitta.com/people/intervista.asp?id=5827

La prima parte mi ha esaltato, e non poco. Dopo il director a mio parere ha un pò esagerato. Da quel che ho capito, leggendo quà e là, è il suo marchio di fabbrica. Potrei non gradire il suo operato filmico…
La sequenza iniziale, la prima fuga, è davvero grandiosa. Atmosfera, musica, ripresa. La telecronaca di Celtics vs Clippers in sottofondo, l’uso del parcheggio dello Staples Center e l’improbabile, quell’anno, vittoria dei Clippers, con tifosi festanti nelle strade. Favolosa. Pensavo erronemante che da antieroe tifasse Clippers… . Davvero molto bella la colonna sonora, non il mio genere, ma decisamente azzeccata. Non apprezzato decisamente l’eccesso di splatter e alcune sequenze della vendetta, in particolare quando indossa la maschera. Sono elementi che, anche se minori, portano il film su un registro che gradisco decisamente meno. La storia, per quanto ordinaria, ha comunque una sua notevole forza narrativa. Validissimo il look di Driver, la macchina, la casa minimalista.
Superbo il BD prestatomi, versione italiana.

Io l’ho trovato un po’ sopravvalutato, invece (così come tutto Refn, per i miei gusti).
Visivamente il film è bellissimo (pure troppo forse, è davvero troppo “leccato” per i miei gusti) e dal punto di vista tecnico non gli si possono muovere critiche, praticamente.
Però per me è la storia che manca, è una storiella esile esile, che francamente non mi ha appassionato granché, l’ho trovata davvero troppo prevedibile, senza un vero guizzo. Troppa forma e poca sostanza.
Belle le impennate di violenza, bello l’uso della musica, su questo non si discute… Ma per il resto?
Uno poi vede un film che si chiama Drive e pensa che ci saranno scene di inseguimenti micidiali o comunque grandi sequenze in macchina. Macché, una delusione. Adesso non venitemi a dire che le scene in macchina sono memorabili, dai…
Insomma, sono soddisfatto a metà, ne avevo sentito parlare benissimo e mi aspettavo molto di più.

Ho il blu ray inglese e devo dire che qualitativamente è superlativo.

E meno male, aggiungerei… :bat:

Concordo con chi ha scritto che la prima parte è davvero ottima: non solo la sequenza pre-titoli di testa (eccellente), ma proprio i primi 40-45 minuti in generale. Poi la storia non ha grande sviluppo e il film prosegue senza entusiasmare più di tanto, anche se resta un bel prodotto, intendiamoci. Musica e fotografia notevolissime, qualche eccesso splatter poteva forse essere evitato, ma sono piccolezze.

Ma l’“eccesso” splatter è voluto e ricercato a bella posta, appunto alterna il sangue al romanticismo. La scena dell’ascensore (miglior momento cinematografico del 2011, subito!) è esemplare, in tal senso: in un paio di minuti si passa da Wong Kar-Wai a Lynch (o Gaspar Noè, se preferite…). Ah, Refn…

Arrivato oggi il br UK, staremo a vedere com’è, il sor Brass di solito consiglia bene…

Gran bel prodotto, effettivamente! Immagine fedelissima alla visione avuta l’anno scorso in sala, e fra gli extra un “domande & risposte” col regista di 41’ circa, con Refn che esordisce scusandosi col pubblico per aver detto quella mattina “fuck” durante un’intervista con la BBC! I subs english sono presenti pure sulle canzoni, cosa utile giacchè “Nightcall” è fantastica, ipnotica, non so quante volte l’ho sentita. Godetevela anche voi www.youtube.com/watch?v=b8aeZJWTBh4