Час оборотня - L'ora del lupo mannaro (Igor Shevchenko, 1990)

Una storia di lupi mannari direttamente da Odessa, film insolito per gli standard sovietici. Ben riuscito l’approfondimento psicologico del protagonista, che dopo essere stato morso da un lupo inizia a trasformarsi nottetempo e ad agire involontariamente attaccando a morte coloro che lo fanno soffrire o lo ostacolano nella propria vita privata. Al risveglio sembra un sogno, ma poi scopre che nella notte si sono realmente svolti i sanguinosi fatti di cui ha sognato.
Sicuramente derivativo dal film di Landis ma l’ambientazione nell’unione sovietica prossima al collasso (si percepisce nei personaggi e nei dialoghi l’insicurezza ed il timore per ciò che il futuro potrà riservare al paese) e il way of life sovietico sono catchy ed intriganti. Ben girato e scritto.
Il regista (alla prima esperienza) purtroppo non si cimenterà più nel lungometraggio, mentre lo sceneggiatore ed attore Sergey Chetvertkov, anche lui al suo copione d’esordio, diventerà poi un collaboratore fisso di Kira Muratova.

Caricato su YouTube dall’autore con sottotitoli inglesi

Altra piacevole sorpresa suggerita a caso da imdb (questa volta tra i film correlati a N come negrieri!)

1 Mi Piace