L'Ultimo Squalo (E. G. Castellari, 1980)

Dvd disponibile dal 04-07-2007
[b]

L’ ULTIMO SQUALO[/b]
Regia: enzo g. castellari
Attori: james franciscus, vic morrow, micky pignatelli, stefania girolami, joshua sinclair, timothy brent
Genere: DVD Avventura
Durata: 84 minuti
Anno di produzione: 1980
Vietato ai minori: No
Trama:
Nelle acque di South Bay, in California, spariscono due persone. Sebbene si profili la terrificante ipotesi che uno squalo bianco infesti la zona, i pezzi grossi della comunità non intendono rinunciare alla regata di windsurf che si svolgerà da lì a pochi giorni. La ‘‘morte bianca’’, intanto continua a mietere vittime, finchè un gruppo di ragazzi decide di organizzare una battuta di caccia per trovare ed eliminare il mostro…

Casa distribuzione: MONDO
Formato video: 4/3 1.85
Codice area DVD: 2
Colore/Bianco e Nero: Colore
Film DVD Nella confezione: 1
Lingue doppiaggio: Italiano
Extra: Trailer originale

http://www.dvd.it/page/dett/arti/971907/nv/DVD.AVV/l%27_ultimo_squalo.html
http://www.cinematografo.it/bancadati/consultazione/schedafilm.jsp?codice=16575&completa=si

Appena finito di vedere…un pochino lento fino ad arrivare all’ultima mezz’ora dove finalmente si ha del movimento(ma del resto questo genere di film è così).All’inizio le riprese sott’acqua durante le fasi thriller non sono neanche sottolineate da musiche (eseguite dai fratelli De Angelis).Che dire i modellini si vedono così come i manichini comunque il buon Castellari ce l’ha messa tutta.Mi sento di salvarlo in calcio d’angolo per lo meno merita una visione.Certo che lo squalo di Spielberg è tutt’altra cosa.
Utilizzate scene documentaristiche e le dimensioni spesso non vengono rispettate.
Sicuramente averlo visto nel periodo della sua uscita (1980) avrebbe sortito maggior entusiasmo da parte mia.
Nel finale vi è anche una parte per il grande Romano Puppo.
Il dvd è di ottima fattura,peccato l’assenza di extra (solo il trailer).

grandissimo castellari, ma è stupendo questo film!!
azione pura, lo squalo incartapecorito non disturba secondo me, nè i vari accrocchi con documentari e modellini, ci si passa sopra dai, è un patto che si fa a inizio film
dove peraltro ci sono delle riprese sui titoli di testa, con il tizio che fa windsurf e un pezzaccio dei fratelli de angelis, che ti gasano come una bestia

aggiungo che il dvd mhe è ottimo come qualità video, nonostante non sia anamorfico
stra-consigliato a chi non lo possedesse, e più che mai a chi non ha visto il film

A me gli insert documentaristici con un autentico squalo bianco avevano pure fatto una certa impressione, quando lo vidi la prima volta. E la sequenza dell’elicottero è priceless.

Leggenda vuole che lo squalo ideato per il film, quello della scena dell’elicottero, sul set si sia scassato in 30 secondi :slight_smile:

Vabbè, pure Bruce (il giocattolone zannuto utilizzato sul set di Jaws) si scassava in continuazione. Castellari ha speso meno e il risultato finale era divertente, malgrado qualche inevitabile ingenuità.

1 Mi Piace

mi unisco ai complimenti che fate a questo film di Castellari perché anch’io lo adoro.
lo vidi per la prima volta tramite il master Rai -che direi abbastanza buono. poi noleggiai la vhs LF per scoprire se c’erano differenze con la registrazione che avevo, ma non c’erano e tenni la registrazione. infine ho comprato il dvd MHE, che come dice Robby è molto buono a parte il letterbox -che, cmq, per me non è ancora un problema. e credo lo sarà tra moltissimo tempo… visto che sto per comprare svenduto un mega tlevisore vecchio tipo.

un bel film avvincente con attori credibili, locations simpatiche e una strepitosa colonna sonora. la mano di Castellari si nota alla grande e trasforma l’exploitation in arte.
tra questo e Il Cacciatore di Squali sarebbe una bella gara… non so quale preferisco in verità, per ragioni diverse li ritengo entrambi validissimi;)

L’ultimo squalo (1980) vero e proprio remake dell’originale, diretto da Enzo G. Castellari e interpretato da James Franciscus e Vic Morrow, quest’ultimo nel ruolo del cacciatore di squali Ron Hamer che a fisico, voce e modi è praticamente una fotocopia di Quint. Il film ebbe un buon successo negli Stati Uniti, attirando così le ire della Universal che, dopo una causa per plagio, ottenne il suo ritiro dalle sale. (fonte Wikipedia)

Aggiornamento: nessun fine recondito. solo che trovando la notizia in rete (correttamente di solito riporto la fonte se non è farina del mio sacco), volevo sapere se gli risultasse da parte di chi aveva già avuto modo di visionare il film, in quanto ne sto valutando l’acquisto. tutto qui.

un film abbastanza interessante e avvincente, ma purtroppo mostra tutti i grandi limiti di una operazione-copia e di un film che non può fare affidamento sui grandi mezzi e gli effetti speciali degli Usa. e proprio lo squalo-finto ne risente moltissimo.

allo stesso tempo, è molto apprezzabile perchè è uno di quei classici film di genere che testimoniano la voglia di inventiva e la voglia di fare di un cinema sì artigianale ma deciso a regalare emozioni e spettacolo a un pubblico eterogeneo. insomma l’identità del grande cinema italiano di genere dei '70.

la scena dell’elicottero (con il deputato aggrappato al velivolo in balìa delle fauci dello squalo) è un cult.

sembrerebbe (dai titoli di coda) che fu girato a malta, ma da qualche parte lessi “le coste della sardegna”. mi piacerebbe sapere della location esatta.

1 Mi Piace

Io veramente ricordo che il film in parte fu girato proprio negli States, fermo restando che locations italiche ce n’erano sicuramente. De Angelis puntava molto sul mercato americano, e in effetti il film incassò tantissimo; per questo la Universal gli intentò causa per plagio. Oggi chiaramente mostra tutti gli anni che si porta dietro, ma all’epoca non era così poveristico; paragonatelo con le cialtronate tipo Tintorera e vi renderete conto che si andava sì al risparmio, ma qui i mezzi c’erano.

le scene d’azione sono buone infatti, molto avvincenti. e anche il cast è all’altezza: james franciscus (peter benton); vic morrow (il pescatore che rimanda al quint dello squalo di spielberg); giancarlo prete (attore-feticcio di enzo g. castellari, quì nei panni di uno spregiudicato speaker televisivo); l’attore (di cui non ricordo il nome) che interpreta il deputato (doppiato da oreste lionello).

la bionda molto carina che interpreta la figlia di benton è la vera figlia di enzo g.castellari. la si era già vista (ancor più ragazzina) nel 1973 in la polizia incrimina, la legge assolve, sempre diretta dal padre. lì era la figlia di franco nero.

sembrerebbe proprio che furono effettivamente gli alti incassi negli States a far infuriare le majors americane: del resto, l’ultimo squalo aveva copiato non la trama dai film di spielberg e szwarc, ma l’idea centrale del soggetto.

e cioè l’arrivo di uno squalo bianco assassino nei fondali di una località balneare statunitense, pronto a fare strage di bagnanti.

per il resto veri e propri cloni dei prototipi Usa non ce ne sono.

Tutti gli horror subacquei anni 70 sono scopiazzature del film di Spielberg, dichiarate (Piranha, L’Orca assassina) o meno (Tentacoli, Tintorera, Mako lo squalo della morte, Giant Crocodile, Spiaggia di sangue, Barracuda ecc). Alcuni rivisitano il filone in maniera originale (Vedi appunto Orca, che capovolgeva la situazione adottando il punto di vista della belva e descrivendo l’uomo come il vero mostro) ma appunto siam lì. Il film di Castellari certamente non fa molto per nascondere la filiazione da jaws; ma potrei dire lo stesso di Tintorera e Tentacoli, che invece non s’è inculato nessuno perchè non fecero la grana. Un po’ com’è accaduto con Zombi 2; certamente non un plagio di Romero come Non si deve profanare il sonno dei morti di Grau, ma che copiasse è palese. Solo che dal film di Grau non c’era da ricavar soldi, da quello di Fulci sì.

l’inizio è davvero interessante

indubbiamente, tuchulca, l’ultimo squalo nasce direttamente dall’influenza del capolavoro di spielberg e del culto prolungato dal seguito di szwarc. tant’è che nella trama ideata da castellari c’è un accostamento anche su un altro dettaglio: lo squalo crea ulteriori problemi per una località balneare che è al centro di una importante promozione turistica per motivi politici.

ma c’è un bel capovolgimento: mentre il sindaco di amity, larry vaughn, ignorava la presenza dello squalo per poi minimizzarla al massimo, il deputato di south bay si attiva da subito per garantire un forte sistema di sicurezza.

Questo senz’altro. Ed è anche un bel personaggio, quello del deputato che per riacquistare consensi tenta di catturare la belva per conto suo.

ps.
Usa il tasto spoiler, se no rovini la sorpresa a chi il film non l’ha ancora visto. :wink:

cercherò di seguire il tuo consiglio in altri casi simili, solo che non si trattava del finale del film nè di una parte del soggetto determinante per la conclusione della trama, e quindi non ritenevo necessario metterlo sotto lo spoiler.

Gran bel film che ho sempre adorato…e , non mi vergogno a dirlo , anche se sicuramente suonerà come " una bestemmia " , lo preferisco pure a quello di Spielberg , comunque , intervengo a distanza di tempo dall’ultimo post per chiedervi notizie sulla colonna sonora , che ho sempre adorato , in quanto non so se sia stata neanche realizzata in vinile : Grazie a tutti !!! :oops:

Grande mito!! Ricordo che lo vidi per la prima volta nel 1983 o 84 passato dalla defunta Telepadova, mi impressionò non poco (avevo 9 anni) poi lo ricercai sempre fino a quando nel 92 ebbi modo di rivederlo sempre su un’emittente privata, una goduria!! Ottimo film ed oltretutto fa molto periodo!!:cool:

Pare che ne sia uscito un dvd negli States:

http://thirdeyecinema.wordpress.com/2013/03/14/dvd-review-the-last-shark-enzo-castellari/

Già, mentre il DVD italiano è già fuori catalogo da un pezzo… :frowning: