marina lotar

e’ lei la regina del film hard italiano? le sue vhs sono sempre le piu’ quotate? quali sono i film piu’ rari ? e i piu’ belli?

Regina? Boh… diciamo che è diventata l’icona di un certo periodo del cinema hard italiano (quello pionieristico, primi anni 80). Estimatori ne ha molti, non so quanto siano quotate le sue VHS.

Comincia con Marina e la sua bestia…poi se ti va ancora di approfondire ce ne sono altri, ma pochi a quel livello lì!:smiley:

negli ultimi tempi, ho visto passare un paio di volte su telecapri un film erotico con marina lotar del quale però non so il titolo: lei ospita in casa una sua giovane nipote. c’è anche una scena lesbo e in un’altra scena lei va da un medico che la fa sedere sulla scrivania a gambe allargate (e che culo che aveva marina:cool:).

qualcuno potrebbe indicarmi il titolo?

Potrebbe essere La Zia svedese, di Mario Siciliano. Mai visto, quindi prendi con le pinze la mia ipotesi; comunque trattasi di film circolato in due versioni, soft e hard.

penso che non è la zia svedese, perchè nel film che ho visto io lei ospita una nipote, quindi una ragazza. cmq grazie lo stesso.

E quindi? Le zie svedesi hanno solo nipoti maschi? :confused:

intendevo dire che nella trama di la zia svedese si parla di un nipote; nel film che ho visto io c’è una nipote invece. perciò non può essere quello.

Se e’ ambientato in Sicilia, potrebbe essere - con la zia non e’ peccato -

Anche lì si parla di un nipote, desideroso di infilarsi fra le gambe della zietta arrivata dall’America (la Hedman). Quindi mi sa che non è neanche questo.

comunque le vhs hard di marina lotar sono le piu’ quotate e ricercate tra quelle italiane , a parte i film porno cult ricercati dai collezionisti. nei siti di videocassette i prezzi si aggirano dai 50 euro in su! io stesso ne ho venduti alcuni a 30 euro l’uno! ma ultimamente sembra rivalutata anche lilli carati , la settimana scorsa e’ stata venduta una vhs a 120 euro! io preferisco la lotar, propio per il tipo di ambientazione in cui venivano girati i suoi film, casarecci ,trash e nostrani , a volte anche in stile poliziottesco italiano.

ma è vero che la Lotar aveva girato dei film hard in Sicilia con attori locali?

Verissimo: uno dei film in questione (l’unico che io conosca girato in Sicilia con la Lotar) s’intitola La Perdizione, ed è ambientato ad Acireale durante il carnevale. Vi figura il comico-caratterista Turi Killer (non fa scene hard), che molti anni più tardi avrebbe fatto una comparsata pure ne L’uomo delle stelle di Tornatore.

1 Mi Piace

Convinta che Turi Killer avesse fatto scene hard,nconchè altri attori locali.So che c’era un giro di pornazzi locali in Sicilia molto bucolici e divertenti

C’era un caratterista, ne La Perdizione, che faceva da spalla a Turi Killer (ignoro il suo nome) e si concedeva una scena hard. Stando a quanto mi diceva Andrea Napoli di Nocturno Cinema, era un produttore di nome Grosso che finanziava questi hard di ambientazione catanese nella sceonda metà degli anni 80.

Tutto può essere.Ogni tanto qualche produttore per finanziare film “buoni”, guadagnava qualcosa producendo qualche porno. Io almeno sapevo così, e voi?

In realtà, i porno anni 80 in Italia vedono spesso produttori un po’ arruffoni, che si buttano nel porno perchè costa meno e gli incassi sono garantiti (da noi il genere è “esploso” proprio in questo periodo, era una novità). Penso a finanziatori come Diego Spataro (il quale effettivamente proveniva da altri generi cinematografici, soprattutto western), che ha lanciato Massaccesi nella regìa e ha avuto ottimi rapporti con Luca Damiano (altro pioniere del porno nostrano). E poi c’erano quelli che nel giro ci entravano quasi per caso, come il produttore dei porno dominicani di Massaccesi (si chiamava Santaniello, gestiva alberghi e di cinema non sapeva nulla. Metteva le svanziche e stop). Grosso credo fosse uno che si è buttato nell’hard fiutando l’affare; ricordo i flani pubblicitari all’epoca sui quotidiani siciliani, che davano ampio risalto al fatto che si trattasse di porno interamente girati sull’isola! Ma torniamo a Marina, se no finiamo OT. :wink:

sicuramente il cinema hard si è molto professionalizzato a partire dal 1986. è venuto fuori un sistema produttivo e distributivo più solido e sia a livello di pornoattrici che a livello di registi si sono formati tanti talenti veri del settore.

marina lotar era una vera professionista (e aveva anche un gran bel culo;) ). pare che avesse problemi con l’alcol.

Mah, sulla faccenda dell’alcolismo ci andrei cauto. Le info spesso venivano dalle schede curate dalla Shendene & Moizzi per la collana di VHS I Classici del proibito, piene di inesattezze.

fu karin schubert a rivelarlo (la schubert, durante il suo periodo come attrice hard, ha lavorato spesso in coppia con marina lotar). la dichiarazione della schubert è contenuta in un libro dedicato al cinema hard italiano degli anni '80.