Paradise (Stuart Gillard, 1982)

Titolo originale : Paradise
Produzione : Canada
Anno : 1982
Regia : Stuart Gillard
Interpreti: Willie Aames, Phoebe Cates, Tuvia Tavi, Richard Curnock, Aviva Marks
Genere : Avventura
Durata: 100’
DVD: no
VHS italiane: Domovideo, General Video(diamanti), San Paolo audiovisivi

La Trama:

Metà Ottocento: un’inglesina quattrodicenne si ritrova sola a Baghdad. Viene “adottata” da un viscido mercante di schiavi nonché assassino, ma sulla via di Damasco si imbatte in un coetaneo americano, col quale troverà, dopo aver superato diverse disavventure, la felicità dello spirito (e dei sensi).

Io me lo ricordo con molto affetto questo film, dato più di una volta in tv ai tempi della mia infanzia(non tanto tempo è trascorso) mi ha sempre affascinato tantissimo ed emozionato altrettanto.
Ero molto piccina ma il dolce ricordo mi è rimasto impresso fino ad oggi.

Il sito:www.film.tv.it
gli ha dato una pessima critica… lo definisce mediocre e aggiunge:
“Sulla scia di “Laguna blu” (del 1980), un film che ne ricalca tutti i temi, cercando di bissarne il successo di pubblico. Ma tutto è già visto e rivisto, le ambientazioni sono da villaggio turistico e Phoebe Cates, con tutto il rispetto, non vale un’unghia dell’adolescente Brooke Shields.”

Possibile che il mio ricordo sia così lontano dalla realtà?
E’ vero che assomiglia molto a laguna blu però…
Mi era piaciuto così tanto…sigh!:frowning:

Io amo Phoebe Cates.
All’epoca una delle donne più belle del creato.
Adesso non so come sia ma negli anni '80 era divina.

Tre cose mi son rimaste impresse di questo film:la protagonista,la bella canzone che fa da leit-motiv e lo scimpanzè che si fa le raspe.Il resto poco o nulla,non è che m’avesse affascinato più di tanto…vabbè che anche Laguna Blu non era esattamente il mio genere.

via col mento…

Bella Johnny Global!!!

Phoebe Cates me la immagino strafiga anche a 45 anni…il film da bambino visto in tv mi fece un effetto enorme, non facevo che pensare a cosa avrei fatto io se fossi rimasto su un isola deserta con la ragazzina che mi piaceva al tempo (chiunque fosse la sfortunata)…eeeehh cazzo altri tempi :frowning:

https://it.wikipedia.org/wiki/Paradise_(film_1982)

Apro il thread in onore di Phoebe Cates, visto che è tornata alla ribalta, almeno su questo forum.
Insieme a Laguna blu, è il film proibito di tutti gli adolescenti nati nella prima metà dei '70… Non
ho visto Incontro nell’ultimo paradiso di Umberto Lenzi, ma credo sia similare nella tematica…

Esiste un dvd? ho trovato una versione estera, ma in italiano non trovo niente
https://www.amazon.it/Paradise-Edizione-Germania/dp/B000A2WAII/ref=sr_1_2?ie=UTF8&qid=1483015935&sr=8-2&keywords=paradise

Esistono solo bootleg, mi sa (come la versione estera che hai postato)

Accontentiamoci intanto di quanto sotto, che non capisco se è una delle VHS italiane uscite (vedi in alto) o come immagino l’audio italiano della vhs (o di un passaggio tv?) messo sulle immagini USA. Per Giorgio, vai direttamente al minuto 23 e 48 secondi e buon colpo apoplettico! :rolleyes:

Una chicca è l’album vinile LP uscito a nome Phoebe Cates “Paradise” nel 1982, mai pubblicato negli USA ma pare stando a DSCGS solo in Italia (!), Corea, Giappone e Spagna. A parte i due brani del 45 giri (uno poi strumentale) tratti dal lungometraggio, ignoro che siano e a quando risalgano gli altri suoi brani del disco che ricordo non è la colonna sonora del film ma fatto uscire in fretta e furia per cavalcare il successo del 45 giri…

//youtu.be/6P4bbbVy4Z4

Film modesto che merita appunto solo per la topissima phoebe. Chi ha scritto che non vale un’unghia della shields ha poco gusto femminile, almeno per me. E rivedendo nel video linkato la scena della doccia, non posso non citare una bellissima battuta di alvarone vitali in l’insegnante viene a casa (osservando un’altra doccia da paura della divina Edwige): “ma perché non sono nato spugna… :smiley: ?”.

Il 33 giri ce l’ho e in Italia aveva la stessa copertina del 45 giri: complessivamente un album gradevole di cover cantate con la stessa grazia del brano che tutti conosciamo. Posso essere d’accordo che il film non è un granchè ed è quasi una fotocopia di Laguna blu, ma quanto a sensualità Phoebe batte 100 a 0 la Shields, troppo bambolina e perfettina e quindi (almeno per me) meno arrapante.

Sul fronte home video siam messi malissimo: anche all’estero le edizioni dvd si contano sulle dita (giapponese e poco altro) e niente blu-ray all’orizzonte

Paradise segue di un anno Laguna Blu, gli assomiglia anche se in realtà differisce per più aspetti di quanto non sembri a primo impatto, ma indubbiamente l’idea di fondo era sfruttare il successo di Laguna Blu e realizzare qualcosa che richiamasse lo stesso tipo di pubblico (stava nascendo il genere del cosiddetto “exotic teen movie”). Il riscontro fu altrettanto simile, disintegrato dalla critica perché ritenuto insulso, abbastanza gradito dal pubblico. Mereghetti lo definisce solo “patetico”. Io non lo rinnego affatto, adoro quel filone, puir con tutti i limiti del caso. Location meravigliose, attori bellissimi, esattamente come in Laguna Blu, atmosfere romantiche e naif da romanzo di formazione e d’avventura. Il main theme di Paradise, cantato dalla stessa Phoebe Cates (che nel film si sente solo sui titoli di coda), avrà tanto successo quanto il film, se non di più.

Personalmente ho apprezzato la “lentezza” della storia (ai limiti della stasi). E’ evidente che nel 1982 non avevano la frenesia di far succeder qualcosa ogni 10 secondi, lasciando spazio agli ambienti (che in questo caso contano quanto gli attori in carne ed ossa), alla recitazione (genuina e sincera per due adolescenti) ed ai (buoni) sentimenti. Willie Aames - quello della famiglia Bradford - era stata la prima scelta per Laguna Blu, ma rifiutò per via delle scene di nudo. Il successo del film lo deve aver convinto a non lasciarsi sfuggire una seconda chance. Buffo che proprio il suo alter ego di Laguna Blu, Christopher Atkins, fosse stato contattato per il personaggio di Paradise, ma declinò per altri impegni già presi. Phoebe Cates viene mostrata sempre con un po’ di malizia, perché ogni qual volta c’è la minima possibilità che un suo nudo non sia semplicemente di spalle, distante o vago, ecco che la macchina da presa cerca sempre la curva gonfia dei seni, il gioco è abbastanza scoperto, anche se - lo ammetto - anche assai gradevole. Durante il girato, i due attori decisero che le nudità richieste erano financo troppe e si accordarono perché venissero usate delle controfigure. Tuttavia, come la stessa Produzione poi ammise, il 99% di ciò che si vede appartiene ai corpi di Aames e della Cates, i quali si sentirono buggerati da questa decisione irrevocabile. Aames rimase comunque soddisfatto del film, la Cates invece non gradì, non fece alcunché per promuovere il film, quasi sabotando ogni evento teso a pubblicizzarlo, e in generale rimase avvilita dal trattamento ricevuto.

Attualmente non esiste un dvd con traccia audio italiana in circolazione; l’unico modo per (ri)vedere il film è prendersi l’edizione spagnola (con audio originale in inglese, sottotitoli rimovibili in spagnolo e portoghese) che c’è anche su Amazon a circa 15 euro, anche se il rovescio della medaglia è un lieve fuori sincrono tra audio e immagini.

Mah, io sarò terra terra, ma di questo film ho sempre apprezzato più che altro la gran topa che era phoebe. Poi è vero che anche le location sono niente male e quella canzoncina era ottima per invitare le ragazze a ballare (sempre che accettassero :smiley: ), ma la phoebe…

… la phoebe? Dicci dicci.

Io rammento vagamente il film come una cosa clamorosa, quasi un capolavoro. Chiaramente avevo otto, forse nove anni quando lo vidi per la prima e unica volta.

La canzoncina, duole ammetterlo, mi piace ancora oggi.

POST DA CANCELLARE!! :oops:

Che vuoi che ti dica? Penso di essermelo “consumato” quanto e più di judge reynolds in fast times at ridgemont quando osserva costei che esce dalla piscina e si slaccia quel birbantissimo costume rosso…:polluzione:

Quale migliore compagnia di Federica per vedere la Cates in questo film!

Praticamente tu e la scimmia del film facevate a gara a chi se lo pasticciava di più. :ipso:

2 Mi Piace

oltre a laguna blu, il film ha una sorta di precursore intitolato uragano, di poco tempo prima, che curiosamente a quasi parità di trama fu un mezzo flop

e per chi vuole dargli una ripassatina con lacrimuccia che riga la guancia:

se invece ci si vuole attenere all’essenziale:

1 Mi Piace