Sarah Scazzi

LA GIOVANE SCOMPARSA DA 35 GIORNI
Avetrana, trovato il telefonino di Sara
La scoperta è stata fatta dallo zio

È stato rinvenuto nelle campagne a confine con Nardò Sul posto il pm Argentino e le forze dell’ordine per i rilievi

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/lecce/notizie/cronaca/2010/29-settembre-2010/avetrana-trovato-telefonino-sara-1703854569855.shtml

Questo ritrovamento mi puzza un po’…Il cellulare è stato trovato semi-bruciato e senza scheda (e già qui mi chiedo: come fanno a sapere che era suo) dallo zio della ragazza scomparsa (fatalità…) mentre stava sistemando delle erbacce (neanche mentre lo stava cercando…).
Non voglio fare il malfidato a tutti i costi, ma la storia non mi pare possa reggere molto! :confused:

E non avevi torto.

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/lecce/notizie/cronaca/2010/6-ottobre-2010/sara-l-interrogatorio-zio-trovato-cadavere-campagne--1703898873620.shtml

Lo zio ha confessato l’omicidio

La cattiveria di questa sgarbatissima storia è qualcosa di surreale, veramente quando la realtà supera ogni possibile finzione

Perché? Non è che la storia l’abbia seguita molto, cioè la tipa scompare, e ok adesso hanno beccato lo zio. Ma che altro c’è?

Il risvolto necrofilo può bastare?

La confessione dello zio. L’avvocato: «Voleva farsi scoprire: non ce la faceva più»
«Ho violentato Sarah dopo averla uccisa»
Strangolata nel garage per aver rifiutato le sue avances. Il corpo in un pozzo: nudo e in posizione fetale

http://www.corriere.it/cronache/10_ottobre_07/sarah-avances-zio_b43681d6-d1d2-11df-93c4-00144f02aabc.shtml

Fosse solo quello. Per me è il risvolto mediatico la cosa agghiacciante.

Sono d’accordo. Decine di trasmissioni sul disagio giovanile e sulla pericolosità delle chat e di facebook con professoroni e giornalisti improvvisatisi esperti, i diari della povera ragazzina dati in pasto alla stampa e condivisi con tutta Italia, le continue interviste alla madre (che tra l’altro ha appreso la notizia in diretta tv), per poi scoprire che l’orrore si celava in realtà in famiglia, come troppo spesso accade.
Che poi non è detto che pure qui non vengano fuori risvolti ancora più drammatici.

Ok, adesso capisco meglio:

Certi episodi rivelano che all’interno della famiglia probabilmente alcuni erano a conoscenza delle morbose attenzioni dello zio nei confronti di Sarah, ma finora non avevano parlato. Infatti la madre della vittima accusa anche sua sorella, moglie dello zio assassino, e sua figlia: «Mia sorella Cosima e mia nipote Valentina sapevano». Ma forse anche la cugina Sabrina, che Sarah considerava una sorella maggiore, sapeva qualcosa se, come sembra, le due giovani avevano litigato il giorno prima della scomparsa di Sarah non per gelosia per un ragazzo, come finora dichiarato, ma per le attenzioni che lo zio aveva nei confronti della nipote, la quale aveva chiesto aiuto o un chiarimento proprio alla cugina.

La mamma di Sara: «Mia sorella
e mia nipote sapevano tutto»

Lo sfogo di Concetta Serrano Spagnolo: «Su quell’uomo ho avuto sempre sospetti, ho detto ai pm di interrogarlo»

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/lecce/notizie/cronaca/2010/7-ottobre-2010/mamma-sara-mia-sorella-sapevaho-detto-inquirenti-interrogarlo-1703900462229.shtml

E qui sembra dire tutto il contrario http://www.italia-news.it/italia-c3/puglia-c37/taranto-c147/sarah-scazzi--la-madre-della-ragazza-scomparsa-non-sospetta-dello-zio-47371.html

per una volta non so, l’aspetto mediatico mi è sembrato un qualcosa di un pò diverso

va bene, esistono programmi tipo Chi l’ha visto che detesto e mi sono sempre rifiutato di guardare, ciò non toglie che se sei una madre che si è persa la figlia, e in buona fede credi o perlomeno speri che sia sparita volontariamente, ci sta che ti presenti in televisione per cercarla pur con tutti i rischi che ne conseguono, senza dubbio il filo che separa in questi casi una trasmissione persino quasi di “servizio” e lo sciacallaggio è molto esiguo e soggettivo

la cosa che veramente è agghiacciante e surreale ieri è stata che la situazione è svoltata lì in diretta e in tempo reale mentre la madre si trovava in tv in casa di quel bastardo, praticamente sopra a dove si è svolto tutto, un epilogo incredibile e inaspettato che penso abbia spiazzato tutti, compreso chi magari a certe storiacce ci dovrebbe oramai aver fatto il callo

però sì, la storia fa riflettere anche perchè ti bombardano di messaggi di fare attenzione alle amicizie via chat o facebook (eppure è allo stesso tempo l’abc della educazione e dell’avere un pò di sale in zucca il non fidarsi di chi non si conosce e più in generale di non fidarsi di chi non c’è una ragione precisa per farlo) e invece drammaticamente queste storie finiscono per consumarsi in ambito strettamente familiare, per mano di persone di cui ti dovresti fidare ciecamente

a posteriori mi viene da dire che il ritrovamento del famoso telefono fosse una traccia disperata lasciata da lui per farsi beccare, lo spero almeno che un minimo di coscienza lo abbia spinto a farlo, veramente senza retorica mi chiedo come cazzo faccia una persona a vivere dopo aver fatto una cosa simile, come faccia ancora a usare le mani dopo averle adoperate in quella maniera per tacere del resto, come abbia fatto per due mesi a tenersi un peso del genere

comunque per me questa storia non finisce qua, anzi

In realtà mica tanto:

Solo qualche settimana fa signora Concetta diceva “indagate su tutti anche sui familiari” ed ieri arriva la notizia del ritrovamento del cellulare di Sarah avvenuto per mano dello zio di Sarah, il papà di Sabrina.

Al momento i familiari Sarah non hanno modo di sospettare del signor Michele; la stessa signora Concetta ha detto che i rapporti tra le due famiglie sono assolutamente normali e che continua a pensare che Sarah sia stata rapita da qualcuno anche se non sa ancora spiegarsi il perchè.

A me pare evidente che il sospetto ce l’avesse, ma che temesse che l’avessero solo rapita. Insomma, stava un attimo quieta con le accuse sperando che si decidessero a rilasciarla.

Però ricordo da quel che vedevo in tv e che leggevo, che all’inizio diceva che secondo lei lo zio non c’entrava proprio nulla. Ovviamente dopo quell’assurdo ritrovamento del cellulare avrebbe cambiato idea chiunque.

Visto l’acceso dibatitto forse sarebbe il caso di spostare tutto in un apposito thread nella sezione “True crime”

Io come sempre ribadisco cronaca nera = merda

OMG, solo ora vedo…

//youtu.be/nt6GMrG2xCY

//youtu.be/7uCx1CZ4Ybo

//youtu.be/oi0SEy_KDsA

Lombroso docet:fra madre,fratello e zio della defunta,non saprei scegliere la faccia peggiore.Comunque,tranquilli:il “meglio”(ovvero IL PEGGIO)della faccenda,deve ancora venire a galla.Cuccagna per i giornalisti…

Quale sarebbe questo peggio/meglio? Ci sono cose che i giornali non hanno detto o qualcosa mi è sfuggito?

Ti sbagli. L’epilogo non ha spiazzato nessuno. Il ritrovamento del cellulare era talmente strano che penso tutti i comuni mortali che hanno seguito un minimo la vicenda si siano fatti qualche domanda. Chi a certe storiacce ha fatto il callo di domande se n’è fatte qualcuna in più, tant’è che è da lì che c’è stata una svolta significativa delle indagini. Ma anche a Chi l’ha visto avevano capito chiaramente come sarebbe andata a finire, e il collegamento da casa dell’assassino è stato fatto per creare lo scoop.
Quello che è successo non è assolutamente casuale, la Sciarelli non è una sprovveduta a cui casualmente è capitata una situazione che non ha saputo gestire, dietro un programma come questo ci lavora un team di persone.

Qui lo dice chiaramente: avevano capito che poteva succedere qualcosa di simile a quello che è poi accaduto, magari la tempistica può essere stata un caso, il fatto che tutto avvenisse durante la diretta, ma il collegamento dalla casa dell’assassino era stato previsto con la consapevolezza di quello che stava succedendo.

http://tv.repubblica.it/copertina/sciarelli-mi-dispiace-che-sia-successo-tutto-in-diretta/54306?video

Sinceramente sono rimasto davvero male della vicenda, durante chi l’ ha visto sono rimasto praticamente scioccato, pensate che io conoscevo almeno di vista la famiglia e ho conosciuto il figlio Claudio anche se tanti anni fa, fino a 12-13 anni fa, o forse più, abitavano nel mio paese e molto vicino casa mia (il padre è del mio paese), anche il luogo del ritrovamento è a pochi chilometri da me.

E’ stata provata la violenza sessuale dall’autopsia?