Only God Forgives - Solo Dio Perdona (Nicolas Winding Refn , 2013)

Visto oggi l’ultimo lavoro di Refn.
Piaciuto anche se con alcune piccole riserve, prettamente collegate ad alcune scelte stilistiche votate all’esasperazione della lentezza di alcune scene, dell’uso di spazi simmetrici e di buio, di giochi di colori, di feticista attenzione ai dettagli e di simbologie.
Nel complesso un buon lavoro comunque, con buona dose di azione che mai guasta.
Bene come suo solito Gosling per il quale questo film è sicuramente quello in cui un suo personaggio le prende di più.
E questo è anche uno dei film con l’antagonista (anche se è “dalla parte della legge”) tra i meno credibili (Fisicamente e per la sua attitudine canora nei Night di Bangkok e di occultare cosi bene un Wakizashi o quello che è :confused:) .
Bellissima e perfida Kristin Scott Thomas.

Pare che il blu-ray sia una ciofeca
http://www.avmagazine.it/forum/70-blu-ray-disc-e-altri-media-hd/246128-bd-only-god-forgives-solo-dio-perdona-nicolas-winding-refn
Qualcuno di voi può confermare la cosa? Visto che so per certo che l’authoring del disco è stato fatto dagli stessi che hanno fatto quello di DRIVE (che personalmente reputo un ottimo blu-ray) mi fa strano che abbiano fatto uno scempio simile.

Purtroppo di Refn avevo visto solo Drive (una decina di volte, in compenso) ed ho recuperato questo con colpevole ritardo, convinto che fosse trascurabile dalla marea di pareri negativi letti in giro.
Sono arrivato a 50 minuti di film senza essermi reso conto del tempo passato. Qualcuno l’ha negativamente definito non un film ma uno slide show di fotografie. Penso la solita cosa ma io lo intendo come un complimento, perchè sono immagini che mi hanno incantato e immerso nel rosso, blu e nero argentiani/baviani che dominano il film. Le musiche di Martinez (ignoravo avesse suonato con Captain Beefheart e Red Hot Chili Peppers) sono una delizia. Alcune scelte sono a rischio ridicolo, ma de gustibus… Personalmente ho adorato il personaggio di Chang che si alterna tra spadaccino e crooner, così come mi hanno fatto un po’ ghignare i gusti sessuali di Julian (Gosling). Ah, non mancano ovviamente le pozze di sangue, le ossa segate, le teste schiacciate, e c’è pure una tortura non male tipo un Miike meno spinto. Mereghetti, che sinceramente stimo molto, lo massacra e lo bolla come “film senza senso”. Non capisco questo tipo di critica e mi chiedo quale sia veramente il senso di un film, e soprattutto se una qualsiasi opera abbia davvero bisogno di averne uno.

sì. bisogna evitare di prendere l’edizione singola del film, quella che riporta sul retro cover il formato sbagliato. il master in realtà ha il formato corretto ma la qualità non è all’altezza del supporto, anzi… diciamo che è proprio un master penoso, impastato e poco definito con una compressione orribile.
il master corretto, quello che hanno realizzato dopo le numerose proteste, lo trovi nel box che contiene sia il blu ray di Drive che quello di OGF.
io avevo preso il bluetto singolo, poi ho scritto alla IIF chiedendo la sostituzione… e sono stati velocissimi. mi hanno spedito il box con i due film più due poster.
cosa che mi ha reso felicissimo, di Drive avevo solo il dvd :smiley:

Aaah, ottime news! Pensavo di prendere il bd UK di OGF, ma anche se ho già il bd UK di Drive credo che andrò sul boxettino ita che vedo stare sui 16 euro!

non te ne penti.
io il bd UK non l’ho visto… e quindi il mio non è un confronto diretto.
ma ho letto, addirittura, che il nuovo transfer IIF ha una resa perfino migliore dell’inglese.
dal canto mio, posso confermare che si tratta di un ottimo bluray che rende totalmente giustizia alla fantastica fotografia del film.
niente a che vedere con il primo bd, che pareva una vhs in confronto (ovviamente è un’esagerazione, ma ti assicuro che certe parti del film erano davvero improponibili).

Visto ieri sera del tutto per caso su Sky, devo dire che questo regista riesce sempre a spiazzarmi. So che per alcuni è sopravvalutato, ma a me piace parecchio. Il film in se è qualcosa di abbastanza diverso da quanto avevo visto sin ora (i tre Pusher e Drive), in comune ci sono sempre le esplosioni di violenza, ma questo è davvero stilisticamente molto curato, con una fotografia che mi ha ricordato i quadri iperrealisti (al ristorante con la madre e la finta fidanzata), e la lentezza di alcune scene quasi studiata per lasciare allo spettatore il tempo di riempirsi gli occhi dei colori e dei giochi di luce. Grandissimo il poliziotto/cantante (Dio?), un personaggio davvero riuscito. Non sapevo della dedica finale a Jodorowski, ma col senno di poi in effetti torna tutto. Non per tutti, ma sicuramente da vedere.

Per me è stato il contrario.
L’ho registrato da Sky, iieri sera ero stanco e l’ho fermato dopo un po’. Pensavo “Beh, ne avrò visto sicuramente più della metà” e invece ne avevo visto 20 minuti.
Non fa per me.
Visivamente è molto bello e curato ma proprio non mi acchiappa. Gosling poi non lo sopporto. Con tutta la buona volontà che ci ho messo devo dire che i 20 minuti che ho visto mi hanno solo annoiato e anche un po’ irritato.
Comunque stanotte lo finisco…

E’ vero Gosling è un cagnaccio, quì per altro gli è richiesta una faccia (la sua solita) e di parlare 3 volte in tutto il film. All’inizio avevo anche io la tua stessa sensazione di lentezza Giorgio, in realtà poi mi pare che sia dovuto alla scelta di strutturare il film più che come una storia omogenea, come un insieme di situazioni che sta a te poi un po’ ricostruire, almeno così a me è parso, poi ci dirai

Gosling secondo me è invece notevole, specie quando è laconico e si affida essenzialmente alla sua (bella) faccia. E se in “Drive” gia’ parla poco, qui è al limite dell’afasia: pronuncerà forse un centinaio di parole in tutto. Ma va più che bene così: pure Eastwood con Leone non si sforzava, attorialmente. .

È una statuina, anche una bella statuina se vogliamo, ma come attore mi sembra desolante.
E l’ho anche visto recentemente in un suo film giovanile (The Believer) dove fa quello che fa ancora oggi ossia NULLA. Espressione sofferta e dolente per tutto il film, espressione scolpita sul volto, movimenti lenti, solennità ieratica anche quando si scaccola… Mah…
Che poi è vero che in questo film l’ho visto pochissimo (nei primi 20 minuti appare in un paio di scene e basta) ma quando è in scena sembra di vedere la pubblicità di un profumo e non un film. Immagini leccatissime (e laccatissime) con lui che si muove in slow motion. Boh…

Ti ripeto, a me piace molto, ed è pure versatile. Inoltre, ha grandissima presenza, anche fisica. Concordo invece su certe scene di OGF: quando entra al ristorante con la ragazza, al ralenti, con un bellissimo completo, e barba “finto incolta”, mi aspettavo di sentire la voce fuori campo “eau de toilette. .pour homme!”. Puro spot pubblicitario, immagini troppo troppo leccate…

ecco questo diciamo, non è proprio un film da vedere con del sonno arretrato…non ci sono mezze misure o lo ami o lo odi “only god forgives” !!! visto al cinema, per me pura goduria però comprendo benissimo che ai più possa non piacere (infatti due persone dalla sala se ne sono pure andate durante la visione)…una possibilità bisogna comunque dargliela.

Questo film di Refn mi manca: volevo prendere il bd (la riedizione) ma certo coi vostri commenti mi state facendo passare la voglia :smiley:

Comunque per vedere un film di Refn con un attore che sa recitare potete sempre provare a recuperare il suo Fear X con Turturro

No, guarda, è comunque un film da vedere, anzi dal punto di vista strettamente cinefilo e per i “refnofili” (neologismo da brividi…) davvero imperdibile. Per Romero: pensa che quando l’ho visto io, in sala, eravamo in 2! E l’altro tipo per fortuna non è uscito prima…

Vero ma Eastwood aveva (ed ha) una faccia che ne vedi una su 3 miliardi… questo Gosling è senza dubbio di bell’aspetto ma in sostanza è un cicciobello biondo come altri centomila. La monoespressione te la puoi permettere se sei Eastwood, ma pure che so, Jack Palance… se sei Gosling buon per te, ma si richiederebbe un minimo di recitazione, penso. Poi boh.

1 Mi Piace

D’accordissimo con Renato.
Per me ha SOLO la presenza ma alla fine è un fighetto tamarro che trovi in qualsiasi discoteca. Poi il fatto che abbia sempre la stessa faccia (e che faccia di tutto per non cambiarla mai) lo rende davvero ridicolo, almeno ai miei occhi.

In questo film non lo so perché ancora non l’ho finito di vedere ma, per esempio, nel film di Cianfrance fa un paio di sorrisi e sembra uno scemo. Per me si è fossilizzato su questo personaggio (che propone sempre uguale in tutti i film) e appena fa un mezzo passo fuori da quest’immagine chi si è creato fa ridere i polli. Che poi a me fa ridere anche quando fa il suo solito cicciobello ma vabbeh, è un altro discorso.

Però sicuramente funziona, per me è un cane ma funziona.

Ok, su Gosling la pensiamo in modi radicalmente diversi. Ne riparleremo fra 10-15 anni: se la carriera sarà andata a puttane, mi sarò sbagliato e chiederò umilmente venia per averlo sopravvalutato. Ma se invece sarà ancora attivo e figaccione…
P.S. Per Renato: “cicciobello”?! Vorrei svegliarmi al mattino, guardarmi nello specchio, e vedere un “cicciobello” simile. Ci metto 100 firme, e una goccia di sangue…

1 Mi Piace

Cicciobello presuppone che sia, per l’appunto, bello.

Se avrà successo - e non mi stupirebbe - non cambierò necessariamente idea; come del resto non l’ho cambiata con Cruise.

Almeno Gosling non ha nel suo curriculum un “Top gun”!!