Orgasmo nero (Joe D'Amato, 1980)

DVD:

E’ passato su SKY pochi giorni fa (esattamente il 14 giugno)…ancora devo vederlo ma mi dicono sia notevole. Cerco opinioni in proposito, così si finirà di parlare di Joe D’Amato solo per ANTROPOPHAGUS o BUIO OMEGA. :twisted:

Film notevole. Molto sottovalutato.

sapete qual’è la più recente tra le ultime edizioni vhs o dvd in Italia?

Emanuelle in America per la Stormvideo.Lo hanno editato sia in versione soft che hard.
Per la cronaca,noi appassionati è una vita che non prendiamo in considerazione Massaccesi solo per le produzioni horror.Per me erotici come Orgasmo nero,Caligola la storia mai raccontata o Emanuelle e Francoise le sorelline valgono più dei suoi splatteroni anni 80.

Sono assolutamente d’accordo. Io metto gli Emanuelle con la Gemser e, appunto, Orgasmo Nero addirittura davanti ai thriller e agli horror. Per me D’Amato è più quello che Antropophagus o simili.

E tornando pienamente al film con Susan Scott, devo dire che quel finale colpisce sempre. Spesso si dice (chissà perchè poi) che i fermo-immagine non sono una bella soluzione, ma lì ci sta tutto.

Dirò di più:anche nei suoi horror Aristide dà il meglio di sè quando li mescola all’erotismo.La Morte ha sorriso all’assassino(uno dei suoi film più riusciti,secondo me)ruota attorno alla passione che tutti i protagonisti nutrono per questa dama misteriosa,portatrice di pulsioni sensuali e orrori indicibili.Buio Omega è una morbosa storia d’amore,un delirio necrofilo che raggiunge l’apice nella scena con Francesco che si lascia masturbare da Iris davanti al cadavere della sua donna.E in fondo,erotici come Orgasmo nero o Papaya dei Caraibi concedono moltissimo all’horror,quindi il cerchio si chiude.I film meno interessanti di Massaccesi sono gli slasheroni senza pretese e i soft patinati.

registrato…siete tutti sicuri che orgasmo nero sia stato trasmesso uncut (delle scene hard?) Faccio questa domanda anche perchè, dopo aver visionato i film del Maestro dello stesso anno (PORNO HOLOCAUST, LE NOTTI EROTICHE DEI MORTI VIVENTI, HARD SENSATIONS), ho notato erano tutti conditi da scene hard e non soft-core.
Dal trailer e dalla protagonista (Susan Scott aka Nieves Navarro) non credo ci siano scene particolarmente “spinte”, ma devo ancora visonarlo.
Rimango dell’idea che il miglior Joe D’amato sia quello di BUIO OMEGA, anche perchè la miscela romance/horror è perfettamtne calibrata. Non didegno le EMANUELLE (In America è devastante nella sua follia, così come E GLI ULTIMI CANNIBALI), e aspetto una riedizione in dvd di CALIGULA, THE UNTOLD STORY.
Ed Eva Nera? Nessuno ne parla?..addirittura con Jack Palance!!!

in fin dei conti un grandissimo ARISTIDE MASSACCESI!!!

ORGASMO NERO esiste in due versioni. Quella originale, cosiddetta “soft”, ha una sola sequenza hard, brevissima, ambientata in un bar. La versione hard, uscita al cinema come CARAIBI:ORGASMO NERO e in vhs come LA SALAMANDRA DALLA PELLE DI LUNA, comprende varie sequenze hard insertate, tratte da altri due film di Massaccesi.

registrato stanotte da Studio Universal e confrontato con la vhs Shendene, ho notato a parità di durata una leggera differenza nella ultimissima inquadratura dell’urlo della Scott, che nella edizione satellitare procede “a scatti”. Tuttavia ho questo dubbio: ma come mai in entrambi i master i titoli di testa e la scritta fine in coda sono inseriti elettronicamente ??

Nella copia di “Orgasmo nero” trasmesso da Studio Universal, a mio avviso vi sono più scene hard, tutte di masturbazione femmminile, che vedono direttamente coinvolta Lucia Ramirez. Senza inserts.

Vuoi dire che ci sono più scene masturbatorie rispetto al master Shendene?Fra l’altro,mi par di ricordare che pure in Hard Sensation figurasse qualche scena di amore solitario con la Ramirez,ma dovrei riguardarmelo per verificare.La versione hard di ON non l’ho mai vista,ma ho letto non ricordo dove(forse lo speciale Matitoni-Napoloni apparso su Blue?)che in una delle scene dove Lucia si titillava veniva inserito una sorta di sogno a occhi aperti con la Ramirez che tromba con Cersosimo,presumibilmente estrapolato dalle varie pellicole porno-caraibiche massaccesiane del periodo.

Sì, non ho controllato bene, per cui potrei sbagliarmi, ma quella trasmessa da Studio Universal mi sembra una versione più lunga di quella Shendene. I pornoesperti cosa dicono?

In realtà io D’amato l’ho conosciuto proprio con questi film (Sesso Nero, Orgasmo NEro, e via dicendo), non con gli splatteroni.
Indubbiamente questi caraibici hanno un discreto fascino morboso, che per altri è invece irritante. PEr un giovane LuciferRising alle prime armi erano film incredibili, nel bene e nel male.

Sull’integrità o meno lascio la paorla ai più esperti, io nel dubbio ho preso il dvd tedesco della X-Rated

Sì, effettivamente la copia di “Orgasmo nero” trasmessa da “Studio Universal” è più lunga di quella editata dalla “Shendene” (88 minuti circa contro 86 minuti circa).
Non ho ancora controllato se contenga più dettagli hard, ma, visto anche il minutaggio e il trailer trasmesso prima del film (dove le masturbazioni femminili riprese in dettaglio si sprecano), è molto probabile.

Contrordine pornofili! Anche la versione trasmessa da “Studio Universal” dura 86 minuti circa (non avevo calcolato la deprecabile pubblicità tra il primo e il secondo tempo).
E’ l’astinenza da strambotto che mi fa scrivere certe cose…

che la durata fosse identica lo avevo detto qui…

Veramente, per essere precisi, la vhs Shendene dura 9 secondi in più della versione da Studio Universal. Probabilmente si è perso qualche fotogramma nell’interruzione tra il primo e il secondo tempo (barbara usanza di questo canale tv). Entrambe le versioni - Shendene e Studio Universal - non hanno i titoli di coda, presenti invece nella vhs Videomovie (versione hard, a sua volta priva di altri passaggi).

Andrea nella vhs Videomovie come sono i titoli di testa ???
Altra differenza tra Shendene e Studio Universal è l’inquadratura finale dell’urlo della Scott.

Sì, la Videomovie ha i titoli di testa non elettronici, ma è priva del prologo (comincia con l’immagine dell’aereo).

Visto stanotte nella copia soft, dvd dòicc. Il film mi è parso interessante, anche se dal ritmo un po’ troppo lento…la Ramirez è una non-attrice incredibile, nonostante l’assoluta incapacità di recitare anche a livelli minimi regge benissimo la scena. La Navarro un po’ sfatta, probabilmente l’intervento di mastoplastica additiva non dev’essere andato come sperava (si vede che il seno è stra-finto), mentre Harrison nella prima ora di film si vede sì e no 3 volte. Anche in questa versione krukka i titoli di testa e coda (solo la parola FINE, per inciso) sono aggiunti elettronicamente, quelli originali italiani figurano come extra…oltre alla brevissima sequenza hard nel bar citata da Andrea Napoli, verso la fine appare una scena di fellatio tra Cersosimo (che si vede solo lì) e la Ramirez…bah.