Calvaire (F. Du Welz, 2004)

Visto proprio adesso.
L’avevo perso durante la sua fugace apparizione nelle sale francesi e l’ho recuperato in dvd.
Per quello che può valere la mia opinione è un gran film, disturbante come non ne vedevo da tempo.
Non so se è il caso di dare troppi dettagli sulla trama (che, in fondo, parte da un presupposto abbastanza inflazionato come la macchina in panne che lascia il malcapitato di turno in un ambiente ostile) perché rischierei di rovinare alcune sorprese.

È un film sporco, crudele, sgradevole, malato, con attori bravissimi (c’è anche Philippe Nahon, già protagonista di film come Seul Contre Tous ed Haute Tension) che lascia un senso di disagio non indifferente.
Il regista Fabrice Du Welz (poco più che trentenne) è bravissimo a creare una malsana atmosfera da incubo e sfrutta al meglio le suggestive location spoglie ed innevate, grazie anche al grandioso lavoro del direttore della fotografia (che, se non erro, ha lavorato più volte con Gaspar Noé).

Il film si apre con una delle sequenze più tristi che abbia mai visto, di uno squallore che non può non deprimere. Dopo una prima mezz’ora molto inquietante il film prende l’inevitabile twist verso un crescendo di sequenze e situazioni davvero forti e allucinate.

Lo consiglio a tutti, non mi ha certo lasciato indifferente.

Ecco la locandina.

Dimenticavo… In un breve ruolo all’inizio c’è Brigitte Lahaie.

Segnalo ai nanofili (e ai nanofobi come me) che nel film viene raccontata una barzelletta sui nani che mi ha fatto molto ridere.

Pure la mia curiosità è stata sollecitata, nonostante la mia appartenenza ai piani bassi :wink:

Per chi fosse interessato (anche se qui mi sa tanto di bestemmiare :-p ) posso indicare come reperire una versione con sottotitoli in inglese, in attesa del DVD.
In caso contattatemi in PM :suspicio:

Perché, qui non lo puoi dire?

Comunque m’interessa, vedrò di noleggiarmi il DVD.

Beh si tratta di p2p, per cui sempre meglio non pubblicare link o indicazioni precise sul forum pubblico, per evitare sul nascere qualsiasi tipo di problema all’amico SWAT.

Vero, vero. Comunque passo, a questo punto preferisco noleggiarmi il dvd.

L’ho rivisto ieri assieme alla mia ragazza (che mi ha odiato… :wink: )

Oh, questo film per me è un gioiello…
Lo trovo semplicemente stupendo, ieri ho fatto un po’ più attenzione ai dettagli e, tra le varie considerazioni che mi sono venute in mente, dico, senza timore di smentita che Benoît Debie è uno dei più grandi direttori della fotografia attualmente in circolazione. E parlo a livello mondiale.
Il lavoro che ha fatto su Calvaire è davvero straordinario.
Su Irreversible era stato grandioso, ne Il Cartaio era uno dei pochi che si salvavano dal disastro (anche se quel tipo di fotografia non mi piaceva riconosco che era fatta coi controcazzi) ma qui si è superato.

Recuperate questo film, è bellissimo.

Ci sono tantissime sequenze incredibili, eccessive, intensissime…
Non voglio dire nulla per non spoilerare ma si potrebbe parlare a lungo di questo film.
Guardatelo e poi ne parliamo, dai! :slight_smile:

Restate fino alla fine dei titoli di coda… Accade una cosa che non ho capito e che magari qualcuno riesce ad interpretare…

Visto stasera, confermo il giudizio di Giorgio, gran film.
Anche a me ha colpito la fotografia (e non mi ricordavo il tuo post, letto tempo fa :P), pur essendo la prima cosa che va un po a puttane in un divx…
Bellissimo anche il montaggio di alcune scene, in particolare un paio (e chi l’ha visto capirà quali) che aumentano esponenzialmente il senso del grottesco…

Per quanto riguarda la barzelletta…la mia versione era sottotitolata in inglese e non sono sicuro di averla capita molto bene, aveva a che fare con un calcio-balilla? :smiley:

Sulla fine dei titoli di coda avrei 2 ipotesi:

1)l’urlo è perchè alla fine viene beccato da uno degli altri contadini (ma dove li hanno pescati attori con quelle facce…e sono pure credibili), e quindi nuovamente sottoposto a discreti supplizi…

2)E’ un semplice “richiamo” ad effetto alla condizione di terrore di Marc nella seconda metà del film, ma questa interpretazione mi sembra più deboluccia :wink:

Si si! :slight_smile:
Il “baby foot” è il calcio balilla! :slight_smile:

La prima ipotesi è più fattibile, secondo me…
Certo è che comunque non me l’aspettavo!

Tornando al film

La scena della fellatio bovina è davvero incredibile…

Noleggiato questo w-e e visto. Splendido. Sempre bella lei, allucinante il film, mi sa che per un po’ non andrò nelle Ardenne, salvo attrezzarmi tipo Rambo…

Non ci ho capito un cazzo, il dvd c’è o no e se si dove?

Sì, in Belgio e in Francia.

http://www.dvdpascher.net/moteur/dvd_moteur_result.php?titre=calvaire&orderby=0&ra=

Visto ieri sera: agghiacciante. Quoto in pieno Giorgio Brass e gli altri che sono rimasti colpiti da questo film, che è riuscito a fare breccia persino nel mio cuore di pietra abituato alle peggio efferatezze. La parte iniziale mette subito nel (mal)umore giusto, e tutto il resto non fa che aumentare il senso di disagio. Un pò rape & revenge, un pò donne con le gonne, uno di quei film dove succedono le cose più malate e il pensiero più frequente nella mente dello spettatore è “ma non starà mica facendo?..urca, si, si che lo sta facendo, cazzo”. Un applauso meritato agli attori, al direttore della fotografia, a chi cacchio ha scelto le location - le scene finali sono pazzesche - insomma a tutti quelli che hanno collaborato al film. Gli interrogativi alla fine del film ci sono, non tutto è spiegato e alcune lacune vengono colmate dalla fantasia dello spettatore:

chi sono i bambini vestiti di rosso? è un viaggio del vecchio pazzo? perchè in paese non ci sono donne, le hanno tutte uccise gli uomini? perchè sono tutti pazzi e sembrano degli zombi? e via andare…

scena cult: la danza della morte nel bar del villaggio…

Gli horror francofoni rulezzano, altrochè.

Da qualche parte ho letto, con mio estremo raccapriccio, che quei bambini sono in realtà dei nani… Non chiedermi il perché, so solo che tremo al solo pensiero…

Riguardo gli altri tuoi interrogativi non so davvero che dirti…
Sul fatto della totale assenza di donne non so se pensare ad un massacro da parte degli uomini oppure, più semplicemente e più perversamente, al fatto che la comunità sia composta esclusivamente da uranisti che non disdegnano di avere rapporti di ogni tipo anche con i bovini…

Per il resto… Boh, che dire?
Ho rivisto il film con l’ottimo commentary del regista e mi sono spulciato anche gli altri extra del dvd (che ho comprato visto che il mio dvd promo era privo di extra). Tutto molto bello.

ohibò! comunque scena agghiacciante ma quanti sono i bambini, 7 come i 7 nani? e sono vestiti come cappuccetto rosso, hai notato? non può essere un caso…

si si, uranisti forse, ma da dove cacchio sono sbucati, dalla palude? e l’inizio, con il tipo che rifiuta le avances della vecchia e dell’altra tipa bionda, come si lega con il resto del film? forse che lui ha tendenze omosessuali e non se ne è ancora reso conto? quanto mi intrippano 'ste cose…

Anche io voglio il DVD col commento!

Gli orridi nani/bambini dovrebbero essere davvero 7… Poi semmai controllo, ma mi sembra che fossero proprio 7.
E anche secondo me non è un caso…

e l’inizio, con il tipo che rifiuta le avances della vecchia e dell’altra tipa bionda, come si lega con il resto del film?

Per me quella sequenza serve più che altro a mettere a disagio… E ti assicuro che con me ha funzionato alla grande. È triste, deprimente, sgradevole, spietata…

Non dirmi che non hai riconosciuto quella che tu chiami “l’altra tipa bionda”! Val, guarda che ti diseredo, eh!!!:smt075

Anche io voglio il DVD col commento!

C’è pure un making of e un simpatico cortometraggio. MUST HAVE!

Cazzo anche a me la sequenza iniziale mi ha messo troppo a disagio, e anche quando il vecchio si mette a letto col povero Marc vestito da donna: non volevo crederci, incredibile!

La bionda sarà per forza la Brigitte, o no? :smiley:

Si si, estremissima…
Ma il momento in cui davvero non credevo ai miei occhi è stato durante la fellatio bovina. Non pensavo si sarebbero spinti così oltre…

La bionda sarà per forza la Brigitte, o no? :smiley:

Esatto!
Sempre splendida peraltro…:smt060