Wild beasts - Belve feroci (Franco Prosperi, 1984)

scusate, ma da qualche parte si trova quello su Wild beasts, con la regia di Prosperi, per la prima volta orfano di Jacopetti?

Anche se sia in Ultime grida che in prodotti similari del periodo il buon Prospero ha avuto il suo da fare

Camera Obscura (Germania) pubblicherà questo titolo come ‘Italian Genre Cinema Collection #7’ nel corso di quest’anno.

la notizia della casa tedesca che lo farà uscire di nuovo l’ho sentita pure io…ed è una bella notizia,perchè di questo film esiste credo solo la versione vhs.
Io lo vidi da piccina e mi piacque già da allora, poi l’hanno rifatto su Sky tipo 3 o 4 anni fa…quindi potrebbe circolare anche quel master…cmq questo film è interessantissimo, fidatevi!

e volevo aggiungere…la parte finale varrebbe quasi un film a sè…è inquietante…

La nostra cover:

bella!Io avrei anche aggiunto i bambini indemoniati coi coltellacci

E perché mai aggiungere uno spoiler sin dalla cover?
Comunque per questo artwork abbiamo ripreso quello del pressbook giapponese.

Il film non l’ho mai visto ma il manifesto è spettacolare, chiunque l’abbia fatto.

Sbaglio o era la copertina di un book di nocturno di qualche anno fa sugli animali assassini?

Sì, era il dossier numero 7, ci scriveva pure il nostro Tuchulcha.
La copertina riprendeva lo stesso manifesto giapponese che abbiamo usato noi ma tagliava via i lati e la parte superiore.

Secondo amazon.it, dovrebbe uscire domani per la cinekult:

http://www.amazon.it/Wild-Beasts-John-Aldrich/dp/B0048KQPZW/ref=sr_1_1?s=dvd&ie=UTF8&qid=1291034085&sr=1-1

Ma la cover è quella del DVD Camera Obscura (si vede il logo se ingrandisci l’immagine). Cmq ho notato che Amazon.it ha alcuni DVD del mercato tedesco…

La cosa esilarante è che noi non abbiamo neanche mai fatto una versione in tre dimensioni della cover.
Quindi il genialoide che ha fatto questo bel lavoretto ha semplicemente preso la l’immagine della nostra copertina (dimenticandosi di cancellare il nostro logo) e poi ha realizzato quest’immagine aggiungendoci la costina fatta da loro…
Poveracci…

Sul forum di Nocturno Pulici dice che “quella che si vede on line è una cover provvisoria”.

Già ma intanto quella cover farlocca (nonché “scippataci”) è ovunque…

E’ questa:

Qualcuno mi saprebbe dire se l’ edizione offerta dalla Cinekult sia integrale o meno?

Rispondo qui a Davide Pulici dato che c’è una sorta di “diatriba” a distanza tra questo forum e quello di Nocturno per quello che riguarda la cover del dvd (le virgolette sono d’obbligo, è il classico caso di “molto rumore per nulla”).

Io ho semplicemente detto che chi ha fatto il jpg con la copertina del dvd per mandarlo ai vari store online (perché Amazon non si è certo messa a perdere tempo per fare quella cover…) ha fatto un’operazione cialtronesca perché non ha neanche cancellato il nostro logo. Tutto qui, non ho certo detto che è stato qualcuno di Nocturno o della Cecchi Gori a fare questo lavoro discutibile e neanche mi interessa sapere chi è stato.

Quello che mi da fastidio è che non vorrei che qualcuno confonda la nostra edizione con la loro visto che noi avremo un master completamente diverso da quello che è stato usato per quest’edizione.
Dubito fortemente che Amazon modificherà la cover dalla sua pagina e questo, con tutto il rispetto verso l’edizione CineKult, potrebbe danneggiare l’edizione Camera Obscura nel senso che quando uscirà il nostro dvd qualcuno potrebbe scambiarlo per l’edizione italiana (visto che secondo Amazon la cover è la stessa) e non prenderlo per via del vecchio master utilizzato o per altri motivi. Oppure, al contrario, qualcuno potrebbe prendere il dvd italiano scambiandolo per il nostro dopo averne visto la cover online.

Tutto qui, mi sembra una critica civile e legittima.

E che sia ben chiaro, non ho assolutamente nulla contro CineKult, Cecchi Gori o Nocturno, ci mancherebbe altro, nella maniera più assoluta (tanto per dirne una… Sull’imminente blu ray/dvd di Inferno ci sarà anche una featurette che abbiamo commissionato ai ragazzi di Nocturno, quindi abbiamo pure un rapporto di collaborazione).

C’è molta arroganza in quelle latitudini, Brass, continua a dormire sonni tranquilli…

Il DVD cinekult di “Wild Beasts” è un concentrato di scelte tecniche errate dettate o dall’incompetenza o dal budget limitato… In presenza di un master analogico dalla qualità non eccelsa e probabilmente con poco dettaglio si è pensato bene di agire sulla GAMMA per aumentare il contrasto. Il problema del controllo Gamma è che se applicato a tutto il film indistintamente è destinato a fare grossi danni. La correzione della Gamma in “Wild beasts” è stata applicata alle scene girate di giorno o comunque ben illuminate con la conseguenza che tutte quelle girate con poca luce sono affogate in un mare di nero con la perdita drammatica di tutte le zone scarsamente illuminate. Ancora più colpevole è il lavoro fatto sull’audio. “Wild beasts” della cinekult è un dual mono dalla resa telefonica con scarsa risposta in frequenza. Ebbene bastava allungare una mano e prendere la vecchia vhs nolo della Domovideo. Questa VHS, prodotta una ventina di anni orsono, presenta un comparto audio che per questo DVD è fantascienza: audio stereo con codifica DOLBY SURROUND con risposta in frequenza garantita dalle gloriose piste HI-FI del VHS da 20 a 20.000 Hz. Mi sono rivisto la VHS su un vcr panasonic di buon livello subito dopo la visione del DVD e sicuramente questo reperto storico straccia il Digital Versatile Disc di “Wild Beasts” sotto ogni aspetto. Mi chiedo che senso abbia fare dei DVD in questo modo e presentarli poi come se fossero chissà cosa: quella scritta che risalta sulla cover, “versione restaurata”. è una vera e propria presa in giro.

Abbiamo appena ricevuto dal Giappone il nostro master nuovo di zecca per Wild Beasts. Nonostante la recente catastrofe che li ha colpiti, i colleghi giapponesi hanno onorato il loro impegno e ci hanno fatto arrivare questo nuovo master praticamente nei tempi previsti.
È un master che viene da un nuovo transfer hd.
Ecco un po’ di screenshot esclusivi e real size…